.
Annunci online

(Individual) Experimental Contagious
La banalità degli assassini
post pubblicato in Non dimenticare, il 30 gennaio 2005


No, non ci vuole intelligenza. E, probabilmente, nemmeno furbizia.

A torturare ed ammazzare 9 MILIONI di ebrei. A rapare 5 MILIONI di donne ebree, e farne tessuti (da vendere) con i capelli. O stuprarle, nutrendole un pò meglio per lo scopo. Ma alla fine, ucciderle.

O a trucidarne i padri, i figli, i mariti, i nipoti. Di quelle donne. Farne sapone (da vendere) con le loro ossa. Castrarli, per sperimentare. Amputare organi, per sperimentare. Decapitare quelli più alti di statura, per farli entrare in appositi contenitori.

E il gas. La neve. I binari. I forni crematori. E la città, le case, la vita normale quasi da toccare, oltre il filo spinato.

No, non ci vuole intelligenza. Occorre povertà d'animo e banalità.

A tal punto banale che potrà ripetersi. Si sta ripetendo ?




permalink | inviato da il 30/1/2005 alle 14:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Dieci favole 'politicamente scorrette'...
post pubblicato in Diario, il 30 gennaio 2005


Le favole politicamente scorrette dedicate al Cavaliere d'Iliata dall'autore del "Commissario Montalbano".

Favola vera

di Andrea Camilleri

Eletto a furor di popolo Presidente di tutto (della Repubblica, del Senato, della Camera, del Consiglio) il Cavaliere riunì i suoi ministri e disse: «Da tempo avevo preparato la riforma della Costituzione. Prendete appunti. Il testo l'ho già inviato alla Gazzetta Ufficiale».

Diligentemente, i ministri si munirono di carta e penna.

«Articolo 1», dettò il Presidente, «Iliata è una Repubblica fondata sui lavori del Cavaliere».

I ministri annuirono.

«Articolo 2», proseguì il Presidente. «Il colore rosso, simbolo dell'odiato comunismo, è dichiarato anticostituzionale e pertanto viene abolito».

«Come la mettiamo con le Ferrari?», domandò il ministro dell'Industria.

«Non c'è problema. Diventano azzurre», ribattè il Cavaliere.

«E con il Tricolore?», domandò a sua volta il ministro della Difesa.

«Rimane tricolore, ma al rosso si sostituisce l'azzurro», fece seccamente il Cavaliere.

E via di questo passo. Furono stabilite multe salatissime per chi, coinvolto in un qualsiasi incidente, mostrava pubblicamente il rosso del suo sangue, con i diserbanti si fecero sparire rose e fiori rossi, la carne rossa non venne più messa in vendita mentre il pesce azzurro fu portato alle stelle, l'unico vino in commercio rimase quello bianco.

Sommersi da tutto quell'azzurro, gli Iliatani cominciarono ben presto a soffrire di nostalgia del rosso, una nostalgia che diventava di giorno in giorno sempre più acuta. Si ebbero i primi attentati rivendicati dai Grar (Gruppi rivoluzionari adoratori rosso). I contrabbandieri facevano affari d'oro non con le sigarette o i clandestini, ma con le scatole di sugo di pomodoro, assolutamente proibite in Iliata.

Finché un mattino, dopo un violentissimo acquazzone, apparve in cielo un gigantesco arcobaleno che coprì l'intero paese. Il rosso di quell'arcobaleno non era solamente un colore, ma un altissimo grido di rivolta, deciso e terso. Quell'arcobaleno segnò, sempre a furor di popolo, la fine del Cavaliere.




permalink | inviato da il 30/1/2005 alle 1:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia dicembre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10  >>   febbraio
calendario
adv